All Posts By

Columbus

Buon Natale da Columbus!

By News

Caro Amico
lo staff Columbus ti augura un felice Natale,
buone feste e tanto buon ciclismo invernale!

Ti siamo grati per aver vissuto un’altra entusiasmante stagione,
e siamo impazienti di condividere una nuova stagione, nuovi progetti ed avventure assieme!

Ti segnaliamo che i nostri Head Quarters saranno chiusi dal 23 Dicembre al 6 Gennaio
per la consueta manutenzione stagionale e le festività.
Per qualsisasi richiesta, il nostro Team ti risponderà appena possibile alla riapertura.

Il 2020 si avvicina, ci vediamo presto, in sella!
Columbus Team

Columbus Continuum: Video Inaugurazione Anima d’acciaio!

By News

Anima d’acciaio: Columbus e il design della bicicletta.
a cura di Francesca Luzzana, Federico Stanzani
Inaugurazione mercoledì 20 Novembre, ore 18.30
Dal 21.11 al 22.02.2020

COLUMBUS CONTINUUM procede nell’esplorazione del carattere eclettico della centenaria Columbus, proponendo dal 20 novembre 2019 al 22 febbraio 2020, sempre negli spazi della Galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, una nuova mostra, dal titolo: Anima d’acciaio: Columbus e il design della bicicletta.

L’esposizione seleziona alcune serie tubi Columbus (gli otto o undici tubi che compongono il telaio di una bicicletta), con il loro carattere speciale: AELLE 55, SL, AIR, SLX, MAX, Genius, OR, Starship, XCr per citarne alcune, a tracciare un ideale percorso dell’innovazione tecnologica degli ultimi cento anni del settore. Individua così il contributo cruciale che l’azienda ha dato all’evoluzione della bicicletta, aprendo inedite possibilità in termini di materiale, leggerezza, progettazione, design e realizzazione. Creando, ad esempio, i primi tubi rinforzati a spessore variabile in acciaio cromo molibdeno nella storia del ciclismo e i primi bracci di forcella ellittici lavorati a freddo.

Nella disanima, un’ampia sezione della mostra non manca di esporre le realizzazioni compiute delle innovative serie tubi: le biciclette che hanno visto trionfare grandi squadre e campioni del calibro di Coppi, Anquetil, Ole Ritter, Hinault, Gimondi, Merckx, De Vlaeminck, Lemond, Moser, Argentin, Oersted in ogni ambito e competizione, dai Record dell’ora alle grandi Classiche e Monumento. Le racconta da un’inedita prospettiva, recentemente offerta da studi e ritrovamenti nel costituendo Archivio Storico Columbus (vera opera aperta che darà vita a un corpus unico negli archivi della storia d’impresa), attraverso lacerti di storie, oggetti, comunicati, cataloghi, pubblicità, letteratura grigia, maglie, cappellini, copialettere e curiosi aneddoti, ponendo interrogativi talora rimasti aperti anche per gli stessi curatori.

L’altra sezione dell’esposizione ospita i pezzi “fuori concorso”: biciclette, telai, machinerie, strumenti di lavoro e oggetti celebrativi ed evocativi, naturale compendio della prima sezione, a sintetizzare in un racconto e fisicamente in un quadro corale, la celebrazione dei primi cent’anni di un’industria metallurgica milanese, come recita il sottotitolo dell’intero ciclo.
Ambizione di questa seconda mostra della rassegna Columbus Continuum è svelare come l’anima d’acciaio speciale (e centenario) di Columbus attraversi metaforicamente ma anche fisicamente la storia del ciclismo unitamente alla storia dell’impresa, d’Italia, e finanche del mondo: nei mezzi, nel pensiero e nelle produzioni.

Un ringraziamento particolare va agli enti, alle istituzioni museali, alle aziende, ai privati e agli amici più in generale di Columbus che hanno contribuito con passione, generosità e competenza alla composizione di questa mostra.

Columbus “a night with” Richard Sachs

By News
Richard Sachs, world-famous American framebuilder, celebrates 100 years of Columbus at Anima d’acciaio, in a conversation with Pietro Pietricola from Officina Dario Pegoretti, led by the journalist Federico Meda.The dialogue will explore Sachs’ experience as a rider alongside with the origins and development of his job as a framebuilder, using Columbus tubing, and his collaboration with Dario Pegoretti.
Pietro Pietricola’s experience and point of view will face the relationship between tradition and innovation.

Contributions from a qualified public of framebuilders, makers and Columbus friends will be a further enrichment of the speech.
The conversation will be held in English.
Further info here.

A night with Richard Sachs
December 4th 2019 | 7pm
Antonio Colombo Arte Contemporanea
Via Solferino 44, Milano

“Anima d’acciaio: Columbus and bicycle design” hosts Richard Sachs’ amazingly red race lugged-steel-frame.
Here a selection of images of the contents and opening of the exhibit.
Open to the public until January 18th 2020.

Columbus Continuum: Anima d’acciaio

By News

Caro Amico

Le celebrazioni per i 100 anni di Columbus continuano con il secondo dei quattro appuntamenti dedicati al Centenario! Mercoledì 20 Novembre, ti aspettiamo per “Anima d’Acciaio: Columbus e il design della bicicletta”.

Questa nuova mostra ripercorre la storia della telaistica, evidenziando i contributi di Columbus allo sviluppo della tecnologia costruttiva: dagli albori del ciclismo professionistico al recente rinascimento dell’acciaio moderno.

Una selezione delle più significative serie di tubi prodotte da Columbus, le biciclette dei più grandi campioni della storia, e moltissime testimonianze tecniche, storiche e sportive: da Coppi e Bartali a Pantani, da Hampsten a Gimondi e Moser, da Pegoretti a Richard Sachs.

“Anima d’Acciaio”, parte della rassegna Columbus Continuum,
è ospitata a Milano dalla galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea.

A presto!
Columbus Team

#ColumbusContinuum
#ColumbusCento

Anima d’Acciaio: Columbus e il design della bicicletta
inaugurazione Mercoledì 20 Novembre alle 18.30
dal 21.11 al 18.01.2020
Antonio Colombo Arte Contemporanea

Flessibili Splendori, raccontata da Mr. Colombo

By News

Niente di meglio che Mr. Antonio Colombo in persona, presidente di Columbus, come guida d’eccezione per una prestigiosa visita privata della mostra “Flessibili Splendori”, il primo dei quattro appuntamenti di “Columbus Continuum”, la rassegna dedicata alle celebrazioni del centenario della fondazione dello storico marchio Milanese.

Columbus Continuum – I mobili Columbus su licenza Wohnbedarf

By News

COLUMBUS CONTINUUM
I mobili Columbus su licenza Wohnbedarf


Sezione della mostra Flessibili Splendori. Columbus e il mobile in tubo metallico.

Nei primi mesi del 1933, l’industriale milanese Angelo Luigi Colombo decide di incontrare l’architetto Marcel Breuer, per chiedergli dei suoi mobili in tubo d’acciaio. Nei laboratori dei metalli al Bauhaus, a partire dalla metà degli anni Venti, infattii, l’architetto ne aveva per primo sperimentato l’utilizzo per l’arredamento con la poltrona Wassily (1925) ma soprattutto con la cantilever chair a sbalzo (1926).
Su un biglietto da visita, Breuer annota per Colombo il nome della neonata impresa zurighese Wohnbedarf, fondata dallo storico e critico Sigfried Giedion e dall’architetto Werner Moser, e in possesso dei diritti per la produzione industriale dei suoi arredi.


Biglietto da visita di Marcel Breuer, 1932, Archivio Storico Columbus, fondo documenti.

Un’azienda senza fabbrica, la Wohnbedarf, che si appoggia a produttori specializzati e competenti nelle lavorazioni metalliche, come la svizzera Embru di Rüti. Facendo seguito al suggerimento di Breuer, Angelo Luigi Colombo firmerà un accordo per realizzare in esclusiva e su licenza, con il suo marchio Columbus, i mobili di Breuer e di altri architetti del Bauhaus e di scuola svizzero-tedesca, come Flora Steiger o Werner Moser.

Werner Max Moser, poltrona per ospedale, produzione Wohnbedarf, 1934.
Collezione privata, Zurigo.
Flora Steiger Crawford, sedia 33S, impilabile in piattina con seduta in legno, 1934.

Nel 1933 Wohnbedarf, di cui Max Bill ha disegnato l’identità visiva, aveva aperto un negozio a Zurigo, sempre su progetto di Breuer – rimasto per molti anni, ben oltre il secondo dopoguerra, un importante riferimento per la distribuzione del settore. Nello stesso periodo aveva iniziato inoltre a produrre arredi di Alvar Aalto, Alfred Roth o dello stesso Giedion.

La mostra Flessibili splendori. Columbus e il mobile in tubo metallico è visitabile fino al 9 novembre 2019.
A cura di Alessandra Bassi.
Progetto di allestimento a cura di Franco Raggi.

Dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.
Sabato dalle 15 alle 19.

 

Columbus Continuum: Video Inaugurazione Flessibili Splendori

By News

Flessibili Splendori: Columbus e il mobile in tubo metallico
a cura di Alessandra Bassi
Inaugurazione mercoledì 25 settembre, ore 18.30
Dal 26.09 al 9.11.2019

Columbus continuum. 100 anni di un’industria metallurgica milanese, è il titolo di una serie di mostre e attività, che si sviluppano nel corso di un anno, collegate ai cento anni di Columbus, azienda metallurgica italiana specializzata nella produzione e lavorazione del tubo metallico e delle sue diverse applicazioni. Le 4 mostre avranno luogo nella galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, da vent’anni punto di riferimento a Milano (Via Solferino 44) per l’arte figurativa contemporanea, fondata da Antonio Colombo nel 1998.
Nel corso di cent’anni – l’azienda è stata fondata da Angelo Luigi Colombo nel 1919 a Lambrate – ha sviluppato diverse lavorazioni legate alla metallurgia e realizzato prodotti finiti in svariati ambiti, dai mezzi di trasporto all’arredamento.
Per raccontare le tante storie presenti in questa vicenda imprenditoriale unica, collegata al fondatore e al figlio Antonio Colombo, sono state organizzate quattro mostre che ricostruiscono l’intervento nei diversi settori, dedicate rispettivamente ai mobili metallici; ai tubi d’acciaio per i telai delle biciclette; alla storia generale dell’azienda e ai suoi caratteri di innovazione e ricerca che l’ha spinta ad operare e collaborare per grandi realizzazioni, dagli aeroplani alle automobili; ed infine alla costante attenzione e relazione con il mondo dell’arte.
Oggi l’attività di Antonio Colombo continua nel mondo del ciclismo con i marchi Columbus, che produce tubi d’acciaio e forcelle in carbonio per biciclette, e Cinelli, produttore di telai e componenti per bici.

La prima mostra Flessibili Splendori: Columbus e il mobile in tubo metallico, curata da Alessandra Bassi e con il progetto di allestimento di Franco Raggi è dedicata alla produzione dei mobili in tubo metallico avviata dall’azienda A.L. Colombo nel 1933 e conclusasi nel dopoguerra.
La produzione ha inizio quando viene acquisita la licenza esclusiva per la produzione in Italia dei mobili metallici dell’azienda zurighese Wohnbedarf, che aveva sviluppato modelli con molti architetti, tra cui Alvar Aalto, Sigfried Giedion, Werner Moser, Alfred Roth o Flora Steiger, ma soprattutto con Marcel Breuer che dalla metà degli anni venti aveva progettato all’interno del Bauhaus con il tubolare d’acciaio.
Columbus realizza, su licenza, mobili “originali” con la competenza specialistica e di qualità nella lavorazione del tubo d’acciaio ma anche della sua curvatura, esito di un processo assieme meccanico e di perizia esecutiva manuale.
Non è dunque un caso che l’architetto Giuseppe Terragni – e prima di lui Giuseppe Pagano, fra l’altro per il design di un diffusissimo portaombrelli – si rivolgesse proprio a Columbus per gli arredi in tubo metallico degli edifici comaschi della seconda metà degli anni Trenta, come la Casa del Fascio o l’asilo Sant’Elia. Poltrona e sedia, con il caratteristico sbalzo elastico, adottate in entrambe le architetture, vennero prodotte in piccole serie “industriali”.
Fra i progettisti italiani, un’altra collaborazione prestigiosa di Columbus è stata con Piero Bottoni, in occasione della VI Triennale di Milano del 1936, dove per la Sala d’attesa per lo studio di un medico vengono sperimentate diverse soluzioni per poltrone basate su un originale incrocio elastico.

Quella di Columbus è una vicenda importante per la storia del design italiano, che è stato possibile salvaguardare e ricostruire grazie alla meritoria volontà di Antonio Colombo, figlio di Angelo Luigi, che ha voluto costituire l’Archivio Columbus, incentivando studi, pubblicazioni (il volume Flessibili splendori. Il mobile in tubolare metallico. Il caso Columbus, Electa, 1998), iniziative e mostre, come quelle che si svolgeranno quest’anno in cui ricorre il centenario di fondazione dell’azienda paterna.
L’Archivio Columbus rappresenta un unicum a livello internazionale di un patrimonio salvaguardato nel tempo, costituito da centinaia di arredi originali, progetti e disegni, cataloghi e pubblicità propri e della concorrenza, stampi in legno per la produzione e documenti. Un antesignano archivio d’impresa, attivo dalla metà degli anni Novanta, che ben testimonia la dimensione caratteristica dell’imprenditoria avanzata in Italia, unione di capacità di ricerca e innovazione, dialogo con il progetto e un’appropriata e visionaria dimensione culturale.

A seguire, a partire da Novembre, altre tre mostre: la prima mostra vuole mettere in evidenza il contributo cruciale di Columbus all’evoluzione del ciclismo professionistico, grazie alla produzione di tubi d’acciaio speciale utilizzati per la realizzazione di biciclette d’eccellenza di campioni del calibro di Coppi, Anquetil, Ritter, Gimondi, Merckx, Moser, e l’altrettanto fondamentale ruolo che l’azienda gioca oggi nel contesto del rinascimento dell’acciaio e dei maker, allievi dei telaisti storici, che stanno dando nuova vita ai telai d’acciaio.
La seconda, che colloca Columbus all’interno del più ampio panorama della storia d’impresa italiana. La vita dell’azienda sarà ricostruita attraverso le tappe chiave della sua produzione, come gli approfonditi studi sulla metallurgia, testimoniati da prodotti, brevetti e soluzioni tecniche.
La terza (e ultima di quattro) esplora il rapporto tra bicicletta, velocità, tubi Columbus, Cinelli e il mondo dell’arte.

Flessibili Splendori. Columbus e il mobile in tubo metallico.

By News

Caro amico,
siamo orgogliosi di invitarti all’inaugurazione della mostra ‘Flessibili Splendori.

Columbus e il mobile in tubo metallico.’ che segna l’inizio di ‘Columbus continuum. 100 anni di un’industria metallurgica milanese’, il ciclo di quattro mostre mirato a celebrare il centenario di Columbus e valorizzarne le poliedriche competenze, così come la sua peculiare identità storica e contemporanea.

Questa prima mostra racconta dell’eccezionale stagione produttiva di arredi razionalisti in tubolare metallico della ditta A. L. Colombo, a cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta del XX secolo.
Tutte le mostre saranno ospitate a Milano dalla galleria Antonio Colombo Arte Contemporanea, da più di vent’anni punto di riferimento nelle avanguardie artistiche.
La mostra sarà poi aperta al pubblico dal 26 settembre al 26 ottobre 2019.

Per maggiori informazioni sulle mostre scarica la cartella stampa qui.

Flessibili Splendori. Columbus e il mobile in tubo metallico.
Mercoledì 25 settembre
dalle 18.30 alle 21.00
Antonio Colombo Arte Contemporanea
Via Solferino 44, Milano

Columbus Continuum: 4 mostre per il Centenario!

By News

Nell’anno del centesimo anniversario Columbus, abbiamo il piacere di coinvolgerti in un’esperienza inedita, tra patrimonio storico, nuove frontiere di prodotto e visioni per il futuro.

CENTO, la specialissima serie tubi in acciaio, in edizione limitata celebrativa del centenario, è già diventata la più ambita specifica tra i migliori telaisti artigianali della scena internazionale.

In aggiunta, siamo felici di annunciarti la prossima inaugurazione di COLUMBUS CONTINUUM, una rassegna di 4 eventi, presso la galleria d’arte contemporanea di Antonio Colombo, che raccoglierà cento anni di contributi dell’azienda nei più diversi settori d’applicazione, tra mobile razionale, design ciclistico, innovazione del tubo ed evoluzioni artistiche. Clicca qui per approfondire!

Infine, cent’anni di lavoro meritano un po’ di riposo! Ti segnaliamo come i nostri uffici saranno chiusi da oggi sino al 25 agosto per la consueta manutenzione e pausa estiva.

Grazie per pedalare con noi!
Columbus Team

#ColumbusTubing
#TheSoulofCycling

L’acciaio Columbus torna al Tour!

By News

Oliver Naesen, dorsale #37, domenica raggiungerà i Campi Elisi  pedalando su tubazioni Columbus Spirit HSS di nuova generazione
come moderno successore del Cannibale e dei tempi d’oro del ciclismo d’acciaio.

La AG2R che corre su bici Eddy Merckx (gruppo Belgian Cycling Factory, come Ridley) sfrutterà la passerella finale del Tour per lanciare con Oliver il nuovo modello “Corsa” completamente customizzabile su geometrie e livrea per i piu’ evoluti ciclisti attenti al mondo del telaio tailor-made in acciaio moderno.

L’evento e’ particolarmente significativo per la Columbus da tempo focalizzata sulle nuove frontiere dell’acciaio
e curiosamente concomitante con i 100 anni della azienda ed anche della maglia gialla!

La grande tradizione della telaistica in acciaio e’ oggi oggetto di grande riscoperta ed evoluzione. Forte della possibilità di confezionare un telaio perfettamente idoneo alla biomeccanica dell’atleta, la costruzione artigianale offre massima libertà di customizzazione, dalla geometria sino a verniciatura e finiture, passando per gli accorgimenti tecnici piu’ idonei al montaggio di gruppo e componenti desiderate dal rider.
Inoltre, in un’epoca di serialità ed asettica automatizzazione, questo processo, spesso svolto a stretto contatto con il costruttore, offre un’esperienza coinvolgente e diversa, capace di conferire al prodotto sia i tratti salienti del telaista, sia le ambizioni del committente, restituendo un prodotto unico e di grande spessore.

Le nuove tecnologie di produzione dell’acciao, sommate all’instancabile sviluppo di nuove leghe, permettono oggi alla Columbus la progettazione di serie tubi particolarmetne performanti, dando vita ad un nuovo capitolo della telaistica in acciaio, fortemente orientato su contenuti tecnici, di leggerezza, rigidezza e reattività.

I tubi Columbus Spirit HSS ed XCr, miscelati da Merckx nella composizione del telaio Corsa, rappresenatno le piu’ aggiornate linee di produzione ad oggi disponibili, oversize, a triplo rinforzo, sagomate ed alleggerite, con spessori da 0,6 a 0,4mm, prodotte con acciaio OMNICROM, la prima, ed XCr senza saldatura bifasico, austenitico martensitico, la seconda.